1 Flares 1 Flares ×

fat-ronald

Dopo aver affrontato con successo un’esperienza di perdita di peso, l’artista  Adelbanfeel ha deciso di aggiungere un paio di pixel in più su alcuni marchi alimentari più conosciuti di fast food, tutto al fine di aiutarlo ad evitare di mangiare di nuovo in quei luoghi. Il risultato è brillante e pregno di talento artistico: l’artista ha intitolato la serie “that’s how i see it” e il logo di McDonald, Burger King ingrassati, dando loro un assaggio della loro stessa medicina.

Questi loghi fanno riflettere sulle proprie abitudini alimentari, e la domanda sorge spontanea: questi marchi sono coerenti con la propria immagine?

Sono marchi che creano immagini alla moda dal design cool e seducente per aiutare ad aumentare le vendite, ma la verità è che questi marchi stanno causando più male che bene.

Questa è ovviamente una parodia fatta con l’intento di attirare l’attenzione sulla natura contraddittoria tra i marchi e i loro prodotti. Ovvio che mangiare nei fast food con moderazione non fa ingrassare. 

Ecco qui sotto la versione obesa di alcuni noti marchi alimentari:

loghi-obesi

Written by ilaria giannattasio

31 anni, Creativa, Geek, appassionata di Tecnologia, Design, Musica e Arte. Sempre circondata da gingilli tecnologici. Vive a Roma, nella vita conosciuta come Graphic/Web Designer. Tech-Blogger dal 2007.