9 Flares 9 Flares ×

google wave Google Wave: le mie prime impressioni

Finalmente anche a me è arrivato l’invito per il nuovo Google Wave: l’applicazione web collaborativa più ambita del web! – ringrazio Paolo per l’invito – icon g2 Google Wave: le mie prime impressioni

Al momento, purtroppo, Google Wave è accessibile soltanto da un numero ristretto di utenti che abbiano ricevuto un invito… quindi… se volete provare anche voi dovete trovare qualcuno che sia già stato invitato (direttamente da Google) disposto ad invitarvi, oppure, dovete mettervi in coda ed aspettare l’invito da parte di Google… (l’invito può essere richiesto sulla Home Page del progetto)

Ottenere un invito non è così semplice e i tempi per riceverlo possono variare… suppongo che Big G utilizzi una sorta di lista preferenziale che tiene conto anche della frequenza di utilizzo degli altri servizi di Google (come Gmail e Greader).

Bene… dopo qualche ora di test non ho saputo resistere alla tentazione di buttar giù due righe su questo nuovo strumento… ecco quindi le mie prime impressioni a caldo su GWave:

Cos’è Google Wave?

GWave (Wave = Onda) è una web application open source sviluppata utilizzando HTML 5 e Ajax. E’ stata presentata a Maggio 2009 e lanciata in fase di Beta-Test (ad invito) il 30 Settebre e promette di spazzar via tutti i suoi concorrenti rivoluzionando il mondo della comunicazione e della collaborazione online.

Con questo nuovo strumento gli utenti possono collaborare alla scrittura di testi, inserire foto, video, musica e chattare, tutto ciò in tempo reale!

La cosa che infatti mi ha colpito immediatamente è la possibilità di osservare l’interlocutore mentre digita e corregge il proprio messaggio… che rende la comunicazione più spontanea ed immediata…

GWave consente di creare delle “Stanze Pubbliche” per interloquire/collaborare con gruppi di persone… oppure chattare in privato con i singoli utenti presenti nella propria Contact List.

Interessante è anche la funzione “PlayBack“: una sorta di “cronologia interattiva” che permette di  riavvolgere le conversazioni (come se si trattasse di un registratore) per rileggere, editare e aggiungere contenuti alle varie discussioni (anche a distanza di tempo).

Poi possiamo rendere le conversazioni più gradevoli utilizzando i simpatici e divertenti “Widget” che permettono di “embeddare” qualsiasi cosa trovata in giro per la rete come ad esempio: i video di YouTube, le Mappe di Google Maps, Radio, Meteo, Giochi… e chi più ne ha più ne metta!

L’interfaccia, a mio avviso, è di semplice utilizzo ed immediata: le finestre di Chat possono essere minimizzate e spostate da una parte all’altra e i contatti trascinati nelle conversazioni tramite Drag&Drop; i colori e la struttura sono tipici delle altre applicazioni web sviluppate da Google.

Per quanto riguarda la compatibilità con i vari browser v’informo che: inizialmente l’ho testato con Mozilla Firefox (versione 3.5.3 su Snow Leopard) e non funzionava per niente bene… (crash continui e scarsa fluidità generale) successivamente l’ho provato con Safari (versione 4.0.3 sempre su Mac OS) e devo dire che funziona decisamente meglio. In molti dicono che funzioni bene anche con l’ultima versione di Google Chrome (ci mancherebbe…) mentre… non oso nemmeno immaginare la compatibilità con Internet Explorer… (ma non si può mai sapere… magari funziona e anche bene). icon razz Google Wave: le mie prime impressioni

Google Wave è già disponibile in versione “Mobile” per iPhone ed Android… per accedervi basta digitare il seguente indirizzo >> wave.google.com dal browser dei dispositivi appena citati.

Google Wave è quindi un sistema di messaggistica instantanea, social network, lifestream, strumento collaborativo, posta elettronica, video/audio/music sharing… il tutto racchiuso in una sola ed innovativa applicazione Web!

Concludo con il dirvi che queste sono soltanto alcune mie prime considerazioni, è ancora tutto da scoprire… starò ad osservare con interesse l’evolversi di questo promettente progetto e ovviamente… vi terrò aggiornati…

Stay Tuned!icon wink Google Wave: le mie prime impressioni

Written by ilaria giannattasio

30 anni, Creativa, Geek, appassionata di Tecnologia, Design, Musica e Arte. Sempre circondata da gingilli tecnologici. Vive a Roma (abruzzese inside) nella vita conosciuta come Graphic/Web Designer. Tech-Blogger dal 2007.